Cerca

cupido5Gli amanti di tutto il mondo si scambiano l’un l’altro biglietti d’auguri di San Valentino, fiori e cuori di cioccolato. Questo è il giorno di ogni anno in cui onorare amore e romanticismo e trovare il modo unico e speciale per mostrare i nostri cari quanto sono importanti per noi. Questo è anche il giorno in cui un ammiratore segreto può trovare il coraggio di mandare un segno di ammirazione per una persona speciale, nella speranza di scintille e di una connessione d’amore. Se si guarda abbastanza a lungo nel cielo pieno di stelle a San Valentino, si può intravedere la leggendaria freccia d’amore di Cupido  e la sua scia attraverso l’aria nel suo cammino verso un bersaglio da far innamorare. Un momento come questo potrebbe farci riflettere su quando e come questo giorno è iniziato.

Il San Valentino sacerdote

Secondo la leggenda, San Valentino è stato un sacerdote vissuto nel 3 ° secolo a Roma. L’imperatore in quel momento, Claudio II, stava reclutando dei soldati per il suo esercito. Pochi erano desiderosi di lasciare le loro mogli e le famiglie e rischiare di essere massacrati dai barbari. La soluzione dell’imperatore a questo problema era stata quella di vietare impegni e matrimoni, il che aveva portato la gente a sposarsi di nascosto. Valentino era stato uno dei sacerdoti disposti a sfidare il decreto dell’imperatore ed eseguire cerimonie di matrimoni clandestini. Quando le cerimonie segrete di San Valentino furono scoperte, Claudio lo fece arrestare e lo condannò a morte. Mentre imprigionato, ricevette tanti fiori da parte di persone che gli volevano bene e intrattenne molteplici conversazioni con la figlia del carceriere. Prima della sua esecuzione il 14 febbraio dell’anno 269, il giorno stesso in cui Giunone, dea delle donne e il matrimonio sono stati onorati, mandò alla figlia del carceriere un biglietto di ringraziamento firmato, “Con amore dal tuo Valentino”.

La santificazione

Valentino fu dichiarato santo nel 496 da Papa Gelasio e il 14 febbraio divenne il suo giorno di festa. In quel momento, una festa pagana dedicata alla purificazione e alla fertilità riemerse. Questa festa onorava Romolo e Remo, i fondatori di Roma e celebrava il dio della natura e dell’agricoltura, Fauno (noto anche come Luperco). Un ordine pagano di sacerdoti romani, i luperci, si riunivano presso la grotta di Romolo e Remo per sacrificare una capra per la fertilità e di un cane per la purificazione di Fauno. Questa usanza è stata poi soppressa nella Roma cristianizzata.